Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP

automazione-it.com
Progea News

LA NUOVA VERSIONE MOVICON.NEXT 4.0

Movicon.NExT 4.0 è la nuova piattaforma software industriale che offre le più innovative e flessibili tecnologie software per progetti HMI Windows/Linux, per supervisori SCADA e per soluzioni di analisi efficienza e MES, indispensabile per l’Industria 4.0.

LA NUOVA VERSIONE MOVICON.NEXT 4.0

La piattaforma SCADA/HMI/MES di Progea si è evoluta per integrare an cora di più User Experience e User Interface, puntando forte su questi quattro aspetti:
  • Flessibilità – è stata integrata una nuova tecnologia Web Client SVG e WebHMI, un Editor FBD potenziato ed è stato esteso il NExT Project Builder.
  • Utilizzabilità – il Workspace è stato razionalizzato, diventando più intuitivo, di più semplice navigazione e maggiormente personalizzabile. L’automazione del Wizard di progetto è stata migliorata, così come l’Help, revisionato ed ampliato. Nuovo Cross-Reference.
  • Sicurezza – sono state inserite delle nuove funzionalità nella Gestione Utenti e nella nuova versione è ancora presente il Setup ClickOnce.
  • Prestazioni – le nuove classi base dei Drivers sono state migliorate di oltre il 200% in efficienza e velocità. Inoltre, in presenza di un elevato numero di oggetti all’interno del sinottico si ha una fluidità migliore. La parametrizzazione dei sinottici è stata migliorata, così come è stata potenziata la gestione di Ricette, Storici e Allarmi.
Ma quali sono le principali novità della nuova versione 4.0? Andiamole a scoprire insieme nel dettaglio.

Un’architettura ancora più scalabile

Con l’introduzione della nuova tecnologia Web Client SVG ed il supporto ai progetti WebHMI, eseguibili anche su piccoli devices Windows o Linux, e realizzabili sempre con il medesimo ambiente Movicon.NExT 4.0, la flessibilità della piattaforma aumenta ulteriormente, rendendo la versione 4.0 il prodotto SCADA/HMI/MES più scalabile del mercato.

I wizard di Nuovo Progetto sono stati migliorati ed estesi

Nelle loro funzionalità e ora accessibili dalla finestra di startup o dal menu di sistema:
progetto Locale, progetto Distribuito, progetto con Ridondanza. Tutti i parametri di configurazione principali, inclusi i trasporti di comunicazione, vengono già preimpostati.

Stile: Chiaro o Scuro?

L’ambiente di sviluppo può essere visualizzato in modalità chiaro o scuro, secondo le impostazioni di sistema. Il look, così come le icone e le immagini, si adatta all’impostazione scelta semplicemente con il riavvio dell’applicazione.

Un nuovo ambiente di sviluppo

L’ambiente di sviluppo di Movicon.NExT 4.0 è stato razionalizzato e ridisegnato in base a questi tre criteri: Usabilità, Intuitività e Prestazione.

Riorganizzazione dei Menu di Sistema

Sono stati eliminati i Ribbon presenti nella precedente versione, sostituiti dai Toolbar ed una conseguente riorganizzazione dei Menu di Sistema in ottica di semplicità e intuitività.
In particolare i Menu hanno un’abilitazione e disabilitazione dei comandi a seconda del contesto. Inoltre, è stata inserita una apposita casella di ricerca ed esecuzione dei comandi.

Un nuovo layout Finestre

Un layout finestre configurabile e con possibilità di salvataggio, per una gestione dell’ambiente di sviluppo più confortevole e personalizzata. È quindi possibile definire più Layout a seconda della modalità di lavoro, ed è possibile trasferire una configurazione di
Layout da un computer all’altro. Particolare attenzione alla nuova Modalità Easy Mode: tutti i componenti dell’ambiente di sviluppo si adattano semplificando l’area di lavoro, nascondendo le funzionalità di dettaglio e meno utilizzate.

Una Libreria Simboli migliorata

L’interfaccia della Libreria Simboli di Movicon.NExT 4.0 è stata migliorata.
Le librerie sono state razionalizzate: ora sono presenti solo la System Library e la Project Library.
System Library: vengono mostrate le tab “Digital” e “Analog” solo se necessario.
Project Library: semplificato l’inserimento di un simbolo personalizzato (minor numero di click del mouse)

Le impostazioni di Animazione e di Comandi migliorate

È stata migliorata l’interfaccia delle finestre di assegnazione Animazioni Grafiche o Impostazioni Comandi, attraverso un miglioramento dei comandi di navigazione all’interno dei sinottici e alla semplificazione delle liste e delle loro impostazioni.

L’editazione dei sinottici è stata semplificata

È stato creato un nuovo menu contestuale per gli oggetti. Raggruppa insieme tutte le funzioni dell’elemento selezionato, anche quelle dei menu di «Adorner».
Consente inoltre una editazione chiara e rapida del nome dell’oggetto.
Sono state ridisegnate e semplificate le finestre Esploratore Oggetti ed Esploratore Lista Tag, ed è stata rivista la Status Bar, con la possibilità ora di specificare la dimensione e il posizionamento degli oggetti sul sinottico.

Un’esplorazione progetto potenziata

La finestra di esplorazione del progetto è stata potenziata aggiungendo la possibilità di esplorare e modificare le risorse dell’I/O Data Server senza la necessità di aprire in editazione la sua finestra. Sono state migliorate le prestazioni in caso di molti elementi da visualizzare, per cui è stato tolto il vincolo di massimo 200 elementi per gruppo/cartella che era presente nella versione 3.4. Inoltre, sono stati inseriti dei menu contestuali in corrispondenza delle varie risorse. È stato inserito il supporto pieno all’uso della tastiera per la navigazione fra gli elementi dell’albero di progetto: tasti freccia e ricerca elemento digitandone l’iniziale del nome.

Una finestra proprietà razionalizzata

È revisionata la gestione delle Proprietà di Oggetti e Risorse, semplificandone l’accesso e la ricerca delle proprietà attraverso raggruppamenti logici, ordinamenti, e altre semplificazioni, come:
sottogruppo con proprietà «Avanzate», ordinamento per «Priorità», nuovo pannello di selezione colore, impostazione dell’indirizzo I/O di un tag più veloce, prestazioni migliorate nel popolare le proprietà sulla selezione di un oggetto, eliminazione dei popup sull’inserimento di un nuovo oggetto e attivazione automatica della finestra delle proprietà, riorganizzazione della finestra comandi e animazioni, revisione grafica delle «smart properties» per gli oggetti complessi.

Editor I/O Data Server potenziato

Un’esplorazione tags veloce e senza vincoli (non più max. 200 tags per folder), import/export in formato OPC UA XML Standard.
E’ stata riorganizzata la Tab delle impostazioni: Settings, Trasporti, Status, ed integrato il supporto a SQLite: il database compatto che non richiede l’installazione di SQL Server è l’ideale per le piccole applicazioni.

Editor Tag I/O Data Server migliorato

Vista Gerarchica con le icone dei Tag che rappresentano il tipo di dato. Modifica in-line nella Vista Tabellare dei tag, funzione Trova/Sostituisci, esplorazione tag veloce e senza più vincoli (non più max 200 tag per folder), sincronizzazione dei cambiamenti con la finestra Esploratore Progetto.

Impostazioni di Allarmi e Storci semplificate

È stata migliorata e semplificata l’associazione tra le risorse del Server ed i Tag: ora si possono vedere, aggiungere o rimuovere i Tag anche direttamente da ciascuna risorsa (oltre che dalla Lista Tag): Allarmi, Historian, Dataloggers, Unità ingegneristica, Vista.
Inoltre, la visualizzazione Tabellare è stata migliorata ed ampliata.

Una Gestione Allarmi potenziata

La nuova Gestione Allarmi della versione 4.0 è potenziata sia nell’editor sia nelle possibilità offerte a runtime. Vi è sia la possibilità di conoscere per ogni area informazioni riguardanti gli allarmi e messaggi attivi (On, Off, NotAck), sia la possibilità di usare il valore statistico di una variabile per generare un allarme, compreso il tempo totale ON utile per gestire la manutenzione preventiva. Inoltre, l’editazione degli allarmi è semplificata dal fatto di poter aggiungere delle soglie di allarme direttamente rimanendo nella tab “Allarmi”. Ed è stata inserita la possibilità di abilitare e disabilitare il suono (beep) degli allarmi su ogni PC utilizzato per collegarsi ad un server remoto o da web client.

Arricchita la Gestione Storici

La Gestione Storici della nuova versione di Movicon.NExT è stata arricchita di alcune utili funzionalità per la parte di storicizzazione e di visualizzazione dei dati. È presente una nuova maschera di configurazione di una connessione con il supporto a SQL Lite. Vi è possibilità di aggiungere e rimuovere i tags da storicizzare direttamente sull’oggetto historian, così come quella di configurare il nome della tabella in cui registrare i dati storici degli historian. Inoltre, è presente la possibilità di personalizzare gli aspetti di ogni colonna di un oggetto «DB Grid». Se visibile, se editabile, se sostituire il valore con un testo o un’immagine, se visualizzare un titolo diverso dal nome della colonna. È disponibile la possibilità di selezionare il data logger da cui recuperare i dati con l’oggetto «Finestra Data Logger». Inoltre, per i Data Analysis e Trends viene offerta una Scala automatica e generale per tutte le penne visualizzate.

Un Cross-reference rinnovato e più efficiente

Un Cross-reference potenziato e velocizzato nella ricerca. Per quanto riguarda i Tag è ora possibile individuare i Tag definiti nell’I/O Data Server non usati nel progetto, ed eliminarli. Sono inoltre state inserite le Connessioni, una lista delle stringhe di connessione ai database usate in tutto il progetto, e le Stringhe, una lista di tutte le stringhe di testo usate nel progetto con la possibilità di: aggiungere le stringhe alla tabella testi se non già presenti e di rimuovere le stringhe dalla tabella testi, se non più usate.

Rinnovata la Gestione Ricette

È disponibile un nuovo Visualizzatore a Griglia, che semplifica la gestione per l’operatore. Vi è possibilità di appoggiare i Data Value sulle Tag dell’I/O Data Server, gestibili liberamente nel progetto, quindi non è più necessario mappare l’I/O Physical Address dai Tag del Server. I Campi I/O Physical Address rimangono disponibili solo per retrocompatibilità e per il download dei Data Value in modo atomico (esclusi dalla Licenza). Inoltre, è stata semplificata la configurazione dei campi di una ricetta insieme all’importazione ed esportazione delle ricette in formato CSV.

Migliorata la parametrizzazione dei Sinottici

Uso del carattere jolly * (asterisco): consente di velocizzare la gestione dei sinottici parametrizzati raggruppando i tag da parametrizzare all’interno di folder. Proprietà «Eredita Parametri» nel comando di apertura sinottico: permette di riutilizzare i parametri passando da un sinottico ad un altro (ad esempio molto utile in caso di apertura di sinottici popup da sinottici parametrizzati).

Editor FBD potente

Per incrementare le possibilità di calcolo nei sistemi WebHMI con l’applicazione di logiche sequenziali Function Block Diagram: nuove funzioni di impostazione dati, nuove funzioni di calcolo e nuove funzioni speciali.

Variabili di Sistema estese

Con ulteriori informazioni: numero di utenti connessi via Web Client, informazioni sugli allarmi e messaggi attivi (On, Off, NotAck), informazioni sullo stato della ridondanza, informazioni sullo stato della connessione con l’I/O data server, presenza di un allarme con beep sull’I/O data server, possibilità di disabilitare il beep degli allarmi sul client.

Gestione Utenti con nuove funzionalità

con ulteriori informazioni: numero di utenti connessi via Web Client, informazioni sugli allarmi e messaggi attivi (On, Off, NotAck), informazioni sullo stato della ridondanza, informazioni sullo stato della connessione con l’I/O data server, presenza di un allarme con beep sull’I/O data server, possibilità di disabilitare il beep degli allarmi sul client.

NExT Project Builder esteso

NExT Builder rappresenta un’assembly creata adHoc per consentire la manipolazione di progetti NExT tramite codice C#/VB.NET, oppure tramite uno script del progetto NExT. Nella versione 4.0 sono state estese le risorse manipolabili alle seguenti risorse di progetto: Eventi, Menu, Ricette, Schedulatori, Shortcut, Utenti.
Inoltre, sono state apportate diverse modifiche per velocizzate accessi ricorsivi alle tags di progetto.

Setup ClickOnce anche con licenza NET

ClickOnce è un setup minimale della sola parte client di Movicon.NExT. Anche nella versione 4.0 sarà reso disponibile un setup ClickOnce, con in aggiunta la possibilità di usare una licenza Net e non solo locale. Il setup ClickOnce può essere personalizzato a seconda delle proprie esigenze. Utilizzando uno specifico «Url» per il download del runtime (Intranet o Internet). Gestione del versioning del runtime attraverso un upgrade o downgrade automatizzato. Questa tipologia di Setup è quindi utile in realtà progettuali dove occorre fornire all’amministratore di sistema uno strumento che gli consenta di gestire da remoto la politica di aggiornamento del runtime NExT, usato dagli utenti per collegarsi ai dati di impianto gestiti da un I/O data server.

Nuovo Web Client SVG

La tecnologia WebHMI offre la possibilità di disporre di un nuovo strumento per accedere al progetto da remoto, utilizzando un browser HTML5. La nuova tecnologia Web Client SVG si affianca a quella precedente e non la sostituisce.
Un nuovo comando permette di fare il «deploy» del progetto per il nuovo Web Server che sfrutta la conversione grafica da XAML a SVG, e le funzioni Javascript sul lato client, per consentire al server di evitare di istanziare localmente ogni sessione di utente. Il nuovo Web Client SVG infatti elabora la grafica localmente al browser Client, offrendo così la possibilità di gestire un numero di connessioni simultanee enormemente più grande. Occorre scegliere la tecnologia da utilizzare nel proprio progetto:

Web Client WPF: Vantaggi: grafica più sofisticata, funzionalità maggiori, gestione Scripts.
Limitazioni: richiede molta più potenza al server, di conseguenza il numero delle connessioni è limitato.

Web Client SVG: Vantaggi: grafica più semplice e veloce grazie alla conversione SVG, elaborazione lato client. Supporto mappe GeoScada. Numero di utenti connessi contemporaneamente virtualmente illimitato.
Limitazioni: non supporta tutte le funzioni grafiche del Server, come ad esempio gli Scripts.

Semplificato il calcolo della Licenza

Non è più necessario avviare il Server per conoscere quante Tag sono utilizzate dal progetto per la Licenza.
Ora è sufficiente accedere al menu Options, License, Request License.

Help revisionato e ampliato

E’ stata potenziata la documentazione, riorganizzati gli argomenti, aggiunti Tutorials ed Esempi e migliorato il portale web.

www.progea.com

  Richiedi maggiori informazioni…

LinkedIn
Pinterest

Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP